Guida alla città di Bergamo

panorama di Bergamo alta

Arte, natura, storia ed enogastronomia: a Bergamo si nasconde il segreto del bene-essere e del bene-vivere. La zona è ricca di verde e la provincia ha luoghi di soggiorno molto conosciuti con oasi e parchi naturalistici da visitare. Le Prealpi orobiche, il lago d’Iseo, i laghi gemelli: sono tutti posti da esplorare e condividere con le persone che più si ama, ma Bergamo, la Città Alta, va visitata per prima ed è a lei che oggi dedichiamo la nostra mini guida alla scoperta della bella Italia.

Incamminiamoci nella Città Alta
Partiamo dal centro storico, il cuore vivo della città, intriso di storia, fortificato e circondato da monumenti di pregio. Il percorso inizia da Piazza Vecchia, luogo simbolo. La piazza è molto conosciuta e frequentata dagli stessi bergamaschi che l’hanno eretta a regina dei loro incontri. Arrivare da queste parti significa trovarsi circondati da opere rinascimentali, palazzi ed edifici di pregio. La piazza è del XV secolo, al centro si può ammirare la Fontana del Contarini del 1780, dono del podestà. Le sue vicende sono alquanto turbolente, una delle due sfingi originali è stata sostituita nel corso di un’opera di rifacimento perché in pessimo stato di conservazione e oggi ne ammiriamo purtroppo una copia dell’originale. Nel corso del 1885 venne smontata e portata nella Città Bassa per far posto ad una statua di Garibaldi, salvo ritornarci verso gli inizi del ‘900.

Fontana a parte, Piazza Vecchia ospita Palazzo Nuovo, sede del Comune e della Biblioteca civica “Angelo Mai”. L’edificio risale al ‘500, è stato però ripreso nel corso dei secoli. Le sale interne sono state decorate con affreschi del Baschenis.

Nel centro della vita cittadina
In posizione contrapposta ammiriamo il Palazzo della Ragione, uno degli edifici più vecchi della città, la sua costruzione risale al XII secolo. Fungeva da tribunale e luogo dove si amministrava la giustizia. Nel ‘500 venne restaurato a causa di un incendio che lo danneggiò in maniera significativa. Caratteristico è il loggiato ad arcate del piano terra con porticati, bassorilievi lungo le pareti e un orologio solare costruito sulla pavimentazione e risalente al XVIII secolo. Attraverso una scalinata aperta si sale al primo piano che porta alla Sala delle Capriate. L’edificio ospita affreschi del Bramante. Palazzo della Ragione è visitabile tutti i giorni, tranne a ottobre e da novembre a febbraio dove è aperto solo il sabato e la domenica. Gli orari sono suscettibili di variazione a seconda di mostre ed eventi.

La Torre civica di Bergamo è un altro must da vedere assolutamente. Meglio nota col nome di Campanone, per via della grande campana che oltre ad annunciare le riunioni del consiglio comunale ogni sera verso le 22 batte 100 colpi;  in memoria del vecchio coprifuoco che anticipava la chiusura delle porte cittadine. È una torre gentilizia di proprietà della famiglia degli Suardi, alta 52 metri e accessibile al pubblico. Grazie ad un ascensore interno è possibile salire fin su, dove si può ammirare l’intera piazza e godere di un panorama mozzafiato sulla catena delle Alpi.

Info
Torre civica di Bergamo
Biglietto: 3€
Apertura: da novembre a marzo (da martedì a venerdì 9.30-13.00 e 14.30-18.00, sabato e domenica 9.30-18.00); da aprile a ottobre 9.30-13.00 e sabato e domenica fino alle 20.00
Chiusura: il lunedì
Tel. 035 247116
Email: museostorico@bergamoestoria.it

Verso Piazza Duomo
Adiacente Piazza Vecchia ecco aprirsi agli occhi del turista affascinato dalle bellezze storiche degli edifici bergamaschi, Piazza Duomo. Il Palazzo del Podestà si trova in questa piazza, le sue origini sono legate alla famiglia degli Suardi. Venne costruito nel XII secolo e divenne residenza del Podestà, una sorte di governatore in carica per sei mesi nominato dalla Serenissima. La facciata fu decorata con affreschi del Bramante. Un cavalcavia lo collega al Palazzo della Ragione. Col tempo ha subito rimaneggiamenti e restauri. Lungo Piazza Duomo troviamo la Cattedrale dedicata a Sant’Alessandro Martire.

Il Duomo di Bergamo è centro di vita religiosa e monumento simbolo della città. Le sue origini sono molto antiche, da recenti lavori di rifacimento è stato rinvenuto sotto il pavimento un affresco chiamato “La teoria dei santi” e anche resti di una vecchia chiesa paleocristiana. Conserva un Crocifisso del ‘500, affreschi di Andrea Previtali e Giovan Battista Moroni. Una Madonna con bambino e due colombe di Cariani e tele del Cignaroli e del Ricci. Degno di rilievo il Martirio di San Giovanni vescovo di Giambattista Tiepolo, situato dietro l’altare. Di fronte troviamo il Battistero, un edificio a pianta ottagonale risalente al 1340 e opera di Giovanni da Campione. La sua funzione originale era quella di fungere da vasca battesimale per la Basilica di Santa Maria Maggiore. Quando i riti dei battesimi furono trasferiti tutti al duomo allora si pensò bene di smontare il Battistero. Nel 1856 venne ricomposto e portato presso il cortile dei canonici, salvo smontarlo nuovamente e sistemarlo di fronte al Duomo. L’interno presenta interessanti pareti decorate da bassorilievi raffiguranti la vita del Cristo e la statua marmorea di San Giovanni Battista.

Info
Duomo di Bergamo
Cattedrale di Sant’Alessandro Martire
Apertura: 7.30-12.00/15.00-18.30
Tel. 035 210223
Battistero
Apertura: solo in occasione di riti battesimali
http://cattedraledibergamo.it/

Un piccolo gioiello di architettura
Lungo il percorso nel centro storico si colloca la Basilica di Santa Maria Maggiore, sorta a devozione dei fedeli che pregarono con fervore la Vergine per sfuggire alla carestia e alla peste del 1133. Come riporta un’iscrizione lungo il portale dei Leoni bianchi. Nel corso dei secoli la Basilica si è arricchita di opere d’arte, marmi e decorazioni barocche. Il campanile risale al 1436 su progetto di Bertolasio Moroni da Albino con fregi in marmo di Ardighino de Bustis. Da vedere la Cappella Colleoni con affreschi del Tiepolo, il portale settentrionale con leoni stilofori, l’abside centrale e il portale di Giovanni da Campione.

Info
Basilica di Santa Maria Maggiore
Apertura: da novembre a marzo 9.00-12.30/14.30-17.00; da aprile a ottobre 9.00-12.30/14.30-18.00
Tel. 035 223327

Bergamo e Donizetti
Da non perdere una passeggiata attraverso le vie strette e aguzze di una Bergamo antica, lungo piazzette poco affollate che furono un tempo protagoniste dirette e indirette delle lotte fra guelfi e ghibellini. Non dimentichiamo, per gli amanti della buona musica, che Bergamo ha dato i natali al musicista Gaetano Donizetti, a cui è dedicato il Museo Donizettiano e il Teatro Donizetti. Il museo è collocato nel Palazzo della Misericordia, un palazzo barocco situato proprio di fronte al monastero di Santa Grata. Ospita cimeli del musicista, documenti, ricordi e ritratti.

Info
Museo Donizettiano
Via Arena, 9
24129 Bergamo
Orari: 09:00-13:00
Tel. 035 428 4769

Come raggiungere Bergamo
Per arrivare a Bergamo è semplice: la città è collegata con le principali arterie autostradali. Si consiglia l’A4 Milano-Venezia con uscita Bergamo Bassa. La stazione dei treni si trova nella Bergamo Bassa ed è collegata con Milano, Lecco e Brescia. Partono treni regionali di frequente. L’Aeroporto di Bergamo è Orio al Serio distante pochi km dalla città e circa 45 km da Milano. Per chi voglia raggiungere la città in autobus, la compagnia di Trasporti NET Nord Est collega Milano a Bergamo. Bergamo Alta è interdetta al traffico. Ci sono alcune fasce orarie in cui l’accesso alla città è vietato alle macchine ed altre in cui è permesso l’ingresso. Si consiglia di rivolgersi presso la Polizia Locale e conoscere con esattezza i giorni e gli orari di accesso, questo per evitare multe salate e inutili contravvenzioni. In alternativa ci sono una serie di autobus di linea che collegano la Città Alta con la Città Bassa.

Link utili
www.trenitalia.com
www.orioaeroporto.it
www.nordesttrasporti.it

Vota Guida di CiaoBellaItalia

Commenti

commenti

Lascia un commento