Guida alla città di Mantova

Veduta di Mantova

Sorprende Mantova per le sue bellezze artistiche, la storia rinascimentale, la dinastia dei Gonzaga. Sorprende per la cucina tipica come i tortelli di zucca, il risotto alla pilota e perché non ricordare lo stracotto con la polenta. Mantova sorprende, e piace, perché coniuga nel migliore dei modi l’arte e la cultura alla gastronomia.

Una passeggiata nel suo centro storico e un pranzo in un ristorante tradizionale è il principale fattore di successo di una città che conta tra i suoi concittadini uomini illustri. Virgilio nasce nel piccolo villaggio di Andes, poco distante, e al poeta è dedicata una delle sue piazze più belle, Piazza Virgiliana. Un’ampia area verde vicina al centro e al Lago di Mezzo, ideale per sedersi e mangiare un panino in tutta tranquillità o magari leggere un buon libro. Mantova è pulita e curata e non è difficile imbattersi in mercati, fiere e kermesse particolari, come il Festival della letteratura ad esempio.

Si trova in Lombardia e dal 2008, con la città di Sabbioneta, è Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. La città è di origine etrusca, a cui seguirono i Celti e successivamente i Romani. Nel corso del Duecento salì al potere una delle famiglie più illustri dell’epoca, i Bonacolsi. Ma poco dopo, ad opera dei Gonzaga, fu ucciso l’ultimo dei suoi discendenti, e iniziò la dinastia gonzaghesca che vi dimorò per 4 secoli e a cui Mantova è legata per storia e cultura. Sorge sul fiume Mincio ed è abbracciata da tre laghi: Superiore, di Mezzo e Inferiore. Lungo il corso del fiume sono sorti diversi parchi periurbani, con rete di parcheggi che costeggiano il lungolago e aree attrezzate con tavoli, panchine e fontane. Belle le sue chiese, i palazzi rinascimentali, i giardini.

Mantova è una città da visitare e, se possibile, da viverci.

Guida Mantova

Vota Guida di CiaoBellaItalia

Commenti

commenti

Lascia un commento